Home / La Fondazione e l'Istituto di Candiolo / L'Istituto di Candiolo

L'Istituto di Candiolo

L'Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo si propone di portare un contributo significativo alla sconfitta della malattia attraverso la ricerca scientifica e di fornire attività diagnostiche e terapeutiche di eccellenza.

 

L'Istituto di Candiolo è un polo oncologico di eccellenza in grado di assicurare ai pazienti il ciclo completo di trattamento diagnostico e terapeutico e di offrire loro l’accesso alle strumentazioni e dotazioni tecnologiche più all’avanguardia oggi disponibili. È inoltre un Centro di ricerca che, operando in collegamento con le più prestigiose istituzioni scientifiche nazionali e internazionali, offre un significativo contributo allo sforzo della comunità scientifica verso la piena comprensione della malattia e allo sviluppo di applicazioni cliniche delle scoperte scientifiche, a vantaggio dei malati oncologici.

Al suo interno operano tre istituzioni:
la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro ONLUS, che ha costruito l’Istituto di Candiolo, svolge attività di fundraising finalizzate allo sviluppo del Centro e all’aggiornamento continuo del suo patrimonio strumentale e tecnologico; svolge, inoltre, direttamente e in collaborazione con l’Università degli studi di Torino, attività di ricerca di base; la Fondazione del Piemonte per l’Oncologia, costituita dalla Regione Piemonte e dalla stessa FPRC ONLUS, gestisce le attività cliniche assistenziali, attraverso l’erogazione di prestazioni sanitarie sia in regime di S.S.N. che di libera professione, e svolge attività di ricerca clinica e traslazionale, in coordinamento con gli altri due Enti.

L’Istituto di Candiolo è l’unico esempio in Italia di centro di ricerca e cura realizzato senza l’intervento dello stato o di enti pubblici, ma esclusivamente attraverso la diffusa e solidale partecipazione di oltre un milione di donazioni privati, enti, istituzioni, imprese e fondazioni bancarie piemontesi. Esso dunque è stato realizzato e finanziato dalla FPRC ONLUS ma è stato voluto dai cittadini del Piemonte. Solo grazie al loro generoso e tenace sostegno, dunque, è stato possibile dotare questo Istituto del patrimonio umano e tecnologico che ne fa già oggi un modello di riferimento internazionale per la ricerca e cura del cancro. E solo grazie a loro sarà possibile proseguire nell'opera di sviluppo e di consolidamento.